Follow:
Be a Mom

Complici

Lei ha lunghissimi capelli biondo scuro che non vuole tagliare e solo da qualche mese si lascia pettinare, Lui invece una scodella bionda che fa da perfetta cornice alle sue buffe espressioni. Lei è sensibile, socievole e dolcissima ma anche decisa e prudente, Lui invece è simpatico, protettivo, coccolone e anche vivace e testardo. Insieme sono dei complici eccezionali.

Lei le pensa e Lui esegue. Lei inizia e Lui conclude.
Sono dei perfetti partner in crime.

19 mesi li dividono, ma le tappe con Noah arrivano in anticipo e spesso le supera senza un mio intervento: questa è sicuramente un pro dell’averli fatti così vicino anche se qualche volta diventa un contro. Ad esempio quando lei dice no a qualcosa, lui dietro a ruota e non ne usciamo: irremovibili entrambi. E quello che più mi fa impazzire è il no di lei a qualcosa da mangiare che propongo, che è il mio cruccio perché Lia mangia sempre le stesse cose diventando sempre più selettiva, e lui, che prima era un mangione e assaggiava la qualunque, ora allontana il piatto al rifiuto della sua regina.
Altre cose invece passano automaticamente per imitazione e tutto è più facile: lo scorso anno lei mi ha fatto impazzire con lo spannolinamento ( al primo giro) e lui adesso usa il vasino per la pipì senza nessuno stress, cosa che mi fa sperare che sarà tutto più semplice, ma non si sa mai.

Certo mi accorgo che il tempo che ho passato con Lia durante i suoi primi mesi da figlia unica era totalmente concentrato su di lei, mentre con Noah inevitabilmente devo creare un’attività per due dividendo le attenzioni, attenzioni che Lia richiede ancora perché più cosciente e grande. Ultimamente poi chiede del tempo esclusivo con me ( credo sia per l’ansia da separazione per l’inizio della scuola) e a volte è davvero difficile dedicarglielo per mancanza di tempo quindi i sensi di colpa si fanno sentire.

Ma esistono genitori senza sensi di colpa?
Senza quel senso di non sentirsi mai abbastanza? Abbastanza presenti, lungimiranti, preparati.

E occorre allora continuare a fare il meglio che si può, mettendosi sempre in dubbio e riprovare per trovare la soluzione migliore mentre loro due continuano a essere sempre più complici e uniti: prima o poi ammutineranno e io soccomberò sotto chili di peluche e blocchi di legno.

Img presa qui

Share:
Previous Post

You may also like

1 Comment

  • Reply Drusilla

    Noi ora siamo nella fase in cui dalla complicità si passa al litigio con critiche pesanti. Spero sia una questione di età e che passi velocemente perché fatico a gestirli ma soprattutto ad accettarlo. Li adoro quando sono complici, anche se contro noi genitori!

    September 7, 2017 at 7:40 am
  • Leave a Reply